Sopravvivenza al trattamento dell'acqua

Una delle massime priorità per sopravvivere a una situazione di crisi è trovare e trattare l'acqua potabile. In quantità sufficiente a coprire le proprie esigenze. Non importa se ti sei perso nel deserto oa casa durante un disastro naturale. Il corpo umano può resistere solo per circa 3 giorni senza acqua.

Fortunatamente, le fonti d'acqua sono abbondanti in molte parti del mondo. E diversi modi per rendere bevibile il liquido. Ma quale opzione è la migliore per ottenere l'acqua sterile e pulita? Ecco una piccola panoramica delle opzioni più comuni per la raccolta e il trattamento dell'acqua in una situazione di emergenza.

Trova una fonte

Prima di tutto devi trovare l'acqua prima di pensare a come purificarla. A seconda della posizione e della situazione, il liquido è in abbondanza. O no. In molte regioni esistono sorgenti superficiali di acqua dolce come fiumi, torrenti, stagni e laghi. Se sei in grado di distillare l'acqua, puoi usare anche acqua salmastra o salata.

Non dimenticare la pioggia. Pioggia, neve, nevischio, grandine, ghiaccio e rugiada possono essere utilizzati come fonte. La pioggia fresca che non è caduta attraverso una giungla o un baldacchino frondoso dovrebbe essere abbastanza sicura da bere. Puoi anche sciogliere e mangiare la neve fresca senza elaborarla.

Anche l'acqua di sorgenti o pozzi è spesso sicura nella maggior parte delle aree. commestibile. Puoi bere il liquido dagli alberi sfruttati come l'acero e la betulla in modo altrettanto sicuro e ce n'è in abbondanza, specialmente a fine inverno. Dovresti classificare gli altri serbatoi d'acqua come non sicuri e trattarli sufficientemente prima di goderteli.

Ecco alcune cose da considerare:

È molto probabile che le fonti d'acqua in superficie siano contaminate e imbevibili senza essere prima pulite. Questo perché lo sporco e altri contaminanti, come le feci degli animali, possono accumularsi qui.

Le sorgenti sotterranee sono spesso più pulite e potresti berle senza preparazione. Ma possono anche essere contaminati da sostanze inquinanti. Normalmente, tuttavia, l'acqua è sufficientemente filtrata attraverso rocce e terra. Tuttavia, le acque sotterranee sono difficili da raggiungere. Dovresti trovare un punto in cui riaffiora. Come sotto forma di una fonte.

L'acqua nell'aria è generalmente sicura da bere. Perché quando evapora, tutti i potenziali contaminanti vengono lasciati indietro. L'acqua atmosferica può essere trovata sotto forma di precipitazioni intrappolate o come rugiada sulle foglie delle piante.

Possibili fonti d'acqua fuori casa

  • pozzanghere: L'acqua stagnante è un terreno fertile per organismi e insetti. Le pozzanghere sulla strada possono essere contaminate dalle sostanze chimiche dei veicoli. Anche in tempi di crisi, si dovrebbe prelevare l'acqua dalle acque stagnanti solo in caso di assoluta emergenza.
  • Fiumi a flusso lento: Uno specchio d'acqua che scorre non è una garanzia per la qualità dell'acqua potabile. Il rischio di inquinamento è particolarmente elevato in prossimità dell'insediamento urbano. L'acqua appare spesso torbida, il che indica un elevato numero di particelle.
  • stagno o lago: Lo stesso vale qui: se l'acqua è ferma e non scorre, ciò favorisce insetti e organismi. Una volta aperto e facilmente accessibile al pubblico, questo comporta un rischio maggiore di contaminazione.I corpi idrici a quote più elevate sono generalmente più puliti perché non ricevono deflusso da terreni agricoli o impianti industriali.
  • Fiume di montagna che scorre veloce: La corrente è forte che aiuta a mantenere l'acqua fresca. C'è spesso neve sulle rive, il che indica che l'acqua si è probabilmente formata dallo scioglimento della neve. L'alta quota contribuisce a un minimo di contaminazione. Più remoto è lo specchio d'acqua, meno è probabile che sia stato inquinato dall'uomo.

contaminanti e rischi

Perché non dovresti bere tutta l'acqua? Le acque sono spesso inquinate da feci umane e animali. In questo caso, molti tipi di batteri nocivi e parassiti possono essere contenuti utilizzando l'acqua come via di trasmissione.

I parassiti protozoi come Cryptosporidium e Giardia sono creature microscopiche che altri animali usano per completare il loro ciclo riproduttivo. Si trovano in molti specchi d'acqua in tutto il mondo e sono più comunemente trasmessi dall'uomo. Ma anche castori, bovini domestici e cervi (tra gli altri animali) possono trasmettere la malattia. I parassiti vivono nell'intestino e causano gravi crampi allo stomaco, gonfiore e diarrea che possono durare da 2 a 6 settimane. I sintomi di solito compaiono entro due giorni dal consumo di acqua contaminata. Ma la malattia è ancora possibile entro un periodo di 14 giorni.

Escherichia coli, noto anche come E. coli, è un altro abitante fecale comune. Non può sopravvivere a lungo al di fuori di un animale ospite e si trova quindi solo in acque contaminate di recente. E. Coli è una parte normale della nostra flora intestinale e ci aiuta a digerire il cibo. Tuttavia, alcuni ceppi possono causare intossicazione alimentare se entrano nel tratto digestivo superiore attraverso il consumo di acqua contaminata.

Altre forme di inquinamento sono il deflusso agricolo, i metalli pesanti e le radiazioni. Questi sono meno comuni in natura. Si trovano principalmente nelle acque urbane o in prossimità di impianti industriali. La maggior parte delle tecniche di purificazione dell'acqua sopravvissuta in loco non è in grado di rimuovere queste forme di contaminazione dall'acqua potabile. Tuttavia, ci sono una varietà di modi in cui possono ancora essere eliminati.

modi per purificare

1. decotto

La maggior parte degli specialisti della sopravvivenza sa che devono far bollire l'acqua prima di berla. Questo è probabilmente anche il metodo di elaborazione più noto. Perché il calore uccide i batteri e altri organismi che potrebbero esserci dentro. Tuttavia, non è possibile rimuovere le impurità chimiche. Ma almeno puoi essere sicuro che in caso di crisi non sarai infettato da Giardia e tante altre cose spiacevoli.

A proposito, è anche importante filtrare le impurità più grossolane prima della cottura. Basta una maglietta bagnata, attraverso la quale si fa scorrere l'acqua. Ripetere il processo se necessario.

Ecco come lo facciamo:

  • Filtrare o setacciare le particelle grossolane dall'acqua
  • Portare il liquido ad ebollizione per 5 minuti (per altitudini fino a 2000 metri) o 15 minuti (per altitudini superiori).
  • Lascia che l'acqua si raffreddi
  • Ora è commestibile

Se vuoi prendere ulteriori precauzioni per rendere potabile il liquido, puoi anche usare mezzi chimici.

2. distillazione

Il tuo approvvigionamento idrico rischia di essere contaminato da radiazioni, piombo, sale, metalli pesanti e molti altri contaminanti. Cercare di filtrarli rovinerebbe solo il tuo costoso filtro, ma alla fine non servirebbe a niente.

In uno scenario in cui l'unica acqua disponibile è malsana, non ci sono molte opzioni. La soluzione più sicura è il trattamento per distillazione. L'acqua viene portata a ebollizione e il vapore viene raccolto. Le impurità precedenti rimangono nel recipiente di cottura, inclusa la ricaduta radioattiva. Tuttavia, non tutto viene rimosso, rimangono oli volatili e alcuni composti organici.

In un pizzico, è possibile produrre rapidamente un distillatore di vapore utilizzando un recipiente a pressione e alcuni tubi di rame di piccolo diametro. La cosa migliore di questo processo (a parte l'acqua sicura) è che il contenitore rimane intatto. In questo modo si passa facilmente dalla distillazione alla conservazione degli alimenti. L'unica difficoltà è collegare il tubo di rame allo sfiato del vapore sul coperchio del contenitore.

Se ti trovi all'aperto, tenta la fortuna con un alambicco solare. Questa è una semplice invenzione in cui l'acqua si raccoglie in un buco nel terreno e distilla. Per fare questo, posiziona un telo di plastica trasparente o lattiginoso di 50 x 50 cm sopra un foro profondo quasi 90 cm. Dovrebbe esserci un contenitore pulito al centro. Se disponibile, metti un tubo sottile e pulito nel barattolo. Quindi non devi fare a pezzi l'intera costruzione per bere. Puoi sigillare l'involucro di plastica con pietre o terra attorno ai bordi. Infine posizionate al centro una pietra, creando un cono di circa 45 gradi.

3. Filtro acqua a cannuccia

Sfortunatamente, questi filtri per l'acqua piccoli e trasportabili sono difficili da trovare nei negozi specializzati. Possono essere usati come una cannuccia, con applicazione limitata alla sola acqua non salina. Virus e batteri non vengono filtrati completamente. Molti modelli includono un elemento filtrante a carbone attivo, che può essere utilizzato per rimuovere segmenti più grandi e agenti patogeni. La portata è limitata a circa 200 litri, dopodiché è opportuno sostituire il prodotto. Nel migliore dei casi, ogni membro ha la propria cannuccia.

4. Filtri per l'acqua portatili

I piccoli filtri per l'acqua portatili sono stati originariamente progettati per i viaggiatori zaino in spalla che trascorrono giornate nella natura selvaggia. Perché lontano dalle comodità della civiltà, devi trovare altri modi per purificare l'acqua trovata.

I filtri per l'acqua sono una soluzione consolidata a questo problema e sono ottimi sia per i prepper che per i sopravvissuti. All'interno di questi modelli, un elemento filtrante in ceramica filtra i batteri e altre particelle indesiderate. Inoltre, è incluso il carbonio, che rimuove molti contaminanti chimici. Nel complesso, i modelli di filtro sono leggeri e mobili. Di solito possono elaborare molte centinaia di litri di acqua. Le versioni costose hanno la possibilità di sostituire gli elementi filtranti.

5. Pulire con candeggina

Purificare l'acqua potabile con la candeggina è molto comodo e non richiede quasi la stessa energia dell'acqua bollente. Con questo metodo, aggiungi all'acqua una piccola quantità di candeggina per uso domestico. Questo uccide gli organismi nocivi. Utilizzare solo agenti appositamente progettati per il trattamento dell'acqua e privi di profumo. Altrimenti si corre il rischio di subire danni irreparabili alla salute a causa delle sostanze chimiche.

6.Trattamento dell'acqua con iodio

L'uso di iodio per disinfettare l'acqua non è comune. L'oligoelemento è un eccellente disinfettante per le ferite, un depuratore dell'acqua e ha una durata di conservazione molto lunga. Si trova spesso anche nei kit di emergenza medica.

Avrai bisogno di una soluzione di iodio chiamata "tintura di iodio" con un livello USP del 2%. "USP" si riferisce alla concentrazione di iodio nella soluzione. Puoi facilmente acquistarli in farmacia.

Come disinfettare l'acqua:

  • Filtrare o setacciare le particelle grandi.
  • Aggiungere da 5 a 10 gocce di iodio per litro d'acqua. 
  • Lascia riposare l'acqua per almeno 20 minuti.
  • Aggiungi un mix di bevande in polvere per un sapore migliore (facoltativo).
  • Pronto

Lo iodio è più efficace nell'acqua calda. Se l'acqua è fredda o si sospetta che contenga un numero elevato di agenti patogeni, lasciare riposare l'acqua per almeno 30 minuti dopo aver aggiunto l'oligoelemento. Puoi tranquillamente aumentare la quantità di iodio fino a un massimo di 10 gocce per litro d'acqua. Adeguare la quantità di oligoelemento e l'esatto tempo di esposizione alla pulizia della fonte d'acqua.

Dopo aver bevuto scoprirai che c'è uno strano sapore. Questo è normale e non ha significato. Il gusto dello iodio può essere mascherato con sciroppo o bevanda in polvere.

Alcune note importanti sul trattamento dell'acqua con iodio: l'oligoelemento è sensibile alla luce solare e deve essere sempre conservato in un luogo buio e/o in una bottiglia di colore scuro. Se sei incinta, hai problemi alla tiroide, prendi litio, sei allergico allo iodio o hai più di 50 anni, dovresti evitare questo tipo di trattamento dell'acqua.

Crea tu stesso un semplice filtro di sopravvivenza

Quando raccogli l'acqua, considera prima quanto velocemente ne hai bisogno. A meno che tu non abbia fretta, lascia il liquido in un contenitore. I segmenti più pesanti affondano sul fondo, le sostanze più leggere galleggiano in superficie dove puoi facilmente staccarle.

Hai due barattoli? Perfetto, allora prova questo metodo: prendi il primo contenitore e riempilo d'acqua. Quindi posiziona la maglietta o un altro strato poroso di tessuto sopra la seconda nave. Metti i ciottoli nel mezzo e lascia che l'acqua scorra lentamente su di loro. Ripeti il ​​​​processo mettendo la sabbia sul panno al secondo passaggio.

Invece della sabbia, puoi anche usare carbone tritato. I filtri a carbone attivo rimuovono i sedimenti e molte impurità, migliorando anche il gusto. Produrre il tuo carbone è facile: accendi un falò e coprilo con terra e cenere. Quindi lascialo raffreddare completamente, questo passaggio può richiedere diverse ore. Quindi tritare il carbone.

Se possibile, costruisci un dispositivo che combini tutti e tre i passaggi del filtro. L'acqua diventa gradualmente più limpida.

Se non è disponibile un contenitore artificiale, puoi costruirne un'alternativa utilizzando materiali naturali. Il bambù, ad esempio, è adatto a questo. È cavo nel mezzo in modo che l'acqua possa fluire facilmente attraverso di esso. Tuttavia, ci sono molte altre piante con un nucleo cavo. Anche un tronco cavo è una buona opzione. Stratifica i materiali filtranti (ciottoli, sabbia, stoffa e carbone) nelle diverse parti del bambù o del tronco e lascia scorrere l'acqua più volte.

Questo dovrebbe darti un'idea di base su come trattare l'acqua inquinata o su come realizzare il tuo filtro di sopravvivenza. Ricorda che c'è ancora la possibilità di ammalarsi. Anche se segui tutte le linee guida e le precauzioni. Consulta sempre un medico se hai bevuto acqua contaminata. Gli effetti collaterali di agenti patogeni e microrganismi possono diventare evidenti solo dopo almeno una settimana.

Falls du mehr zum Thema lernen willst, könntest du einen Survival Kurs besuchen. Wir haben im Artikel “Die besten Survival Kurse in Deutschland” die besten Anbieter zusammengetragen.

Altri articoli sull'argomento

immagine del test della penna tattica 1
Sopravvivenza

Test della penna tattica

Una penna tattica sembra una penna a sfera. Può essere utilizzato anche per la scrittura.